Fleischmann 919501 | elettro-Set per per per Fleischmann morbido Traccia N 65fe85

alt

Articolo scritto da Ana Vidal Egea, El País - 23 gennaio 2018
License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

RIVAROSSI 2192 LOCOMOTORE DIESEL REGIONALE VT216 011-7 DB con LUCE e OVP SCALA-N,Graham Farish 372-377 Class A3 60066 Merry Hampton with single chimney Near MintMICROACE a6407 locomotiva d52-235 Jnr-Spur N-NUOVOArnold hn6365-beni Wagenset stesso carrello scarico FAL DR 3 pezzi-Traccia N-NUOVO,Kato 7074040, Traccia N, RHB Ge 4/4 III, la piccola rossa 650, Kato 74040, Hobbytrain 15773 N * Motore a batteria carrello ETA 177 della DRG * Ovp ,Tomix 92472 JR Limited Express Series 287 Kuroshio 3 Cars Basic Set - N,Broadway Limited 3595 N Scale EMD E6 B-unit Unpainted DCC W/Sound,Atlas N Scale EMD SD35 Low Hood No Nose Headlight DCC - Master Line 40002108,Arnold N - 2307-e-Lok BR 143 584 DR-NUOVO & OVP,Hobbytrain N 20500 5er Wagenset Rheinoro M. Tavolo Illuminazione DRG OVP rb423 ,Ree models nw-084 - post carrello coffert 2 voitures postales 21m-Spur N-NUOVO,NIB N Kato 176-0941 C30-7 SPSF Kodachrome 8013,Minitrix 12035 s2/5 K. BAY. STS. B. inutilizzatoArnold hn4201-persone Wagenset Intercity-Carro DB 3 pezzi-Spur N-NUOVO,N gauge 30038 JR Kyushu KIHA 200 form rosso fast 2-car train set with powerNEW Kato 10-1278 Hankyu Railway Series 9300 4 Cars Set N scale JAPAN F/S J7315Kato 10-1239 Series 583 3 Cars Add-on Set N scale ,KATO N when the gauge 181-based 100 series, Azusa Basic 6-Car Set 10-1147 F/STetsudou Collection Vol. From japan,Trix 12198 [Spur N] BR 120, DB AG l' originale specifica's per - MERCE NUOVAMinitrix Spur N 12640 E-Lok BR 128 001-5 12 X delle DB in OVP jl1459 ,KATO N 176-8520 UNION PACIFIC SD70ACE W/NOSE HEADLIGHT 9041 - MINT,Modello massicciate Karin HEGERMANN la raccolta parti, traccia N, neu&ovp,Fleischmann 735507-a18 - e-Lok BR 101, DBAG, Ep. vi * NUOVO + OVP *Tommy Tech TOMYTEC TOMIX N gauge C57 form Unit 1 2004 model railroad locom steam,ROCO Spur N Hecht carrello vagoni 8 pezzo Wagenset DB 1:160,KATO N-Scale 10-244 oigawa railway SL Kawane Road 4-Cars Set Japan F/S S0374,MFTRAIN N13224 - DIESEL-LOK 321 VIE - NUOVO ÖVP - TOP-,Fleischmann 837405 N DB AG / DB Schenker Car Transport Wagon Type Hccrrs332,

Centinaia di bambini appartenenti a famiglie di rifugiati sono vittime di una strana sindrome finora registrata solo in Svezia. Gli scienziati non hanno risposte certe per spiegare quella che è stata battezzata come Sindrome da Rassegnazione.

Accade solo in Svezia e nessuno sa esattamente perché: centinaia di bambini cadono in uno stato di coma dopo aver saputo che le loro famiglie dovranno essere deportate. Il primo caso fu registrato nel 1998, nonostante sia stato reso pubblico solo di recente.

Il fenomeno colpisce i figli di rifugiati provenienti da paesi ex sovietici e dalla ex Jugoslavia, o appartenenti a minoranze come gli Yazidi, dopo che a questi viene comunicato che l'asilo nel paese è stato loro negato. Non ci sono dati certi, ma alcuni ricercatori parlano addirittura di migliaia di casi, qualificando il fenomeno come "isteria epidemica", anche se ufficialmente è stato battezzato come Sindrome da Rassegnazione (SR), altrimenti conosciuta con il nome svedese uppgivenhetssyndrom.

I bambini che ne soffrono non manifestano nessun problema fisico o neurologico, ma cadono inspiegabilmente in questo st

ato di coma. In un articolo pubblicato nel 2005 sulla rivista medica Acta Pædiatrica, Göran Bodegård (direttore dell'Unità di Psichiatria Infantile dell'Ospedale Universitario di Karolinska, Stoccolma) afferma che i pazienti appaiono "totalmente passivi, immobili, fiacchi, schivi, taciturni, incapaci di mangiare e bere, incontinenti e privi di reazioni dinanzi a stimoli fisici o al dolore. Questi piccoli pazienti vengono chiamati "bambini apatici". Tra le vittime ci sono anche degli adolescenti.

Da allora tutti gli studi hanno cercato invano di scoprire il perché della concentrazione geografica delle vittime. Inizialmente si è tentato di spiegare il fenomeno mediante la teoria dello stress, risultata poi insufficiente giacché, nonostante lo si consideri come un fattore scatenante, ciò non spiega il fatto che i casi si registrino solo in un paese e in determinati gruppi di immigrati, e non in altri dove sono presenti le medesime tensioni sociali.

Vent'anni dopo il primo caso, l'enigma del perché ciò accade solamente in Svezia non è stato ancora risolto. Il Consiglio Nazionale di Sanità della Svezia ha dichiarato che solo tra il 2015 e il 2016 ci sono stati 169 episodi, riporta la BBC. L'ipotesi più verosimile è quella di una psicogenesi culturale. Secondo la tesi di Karl Sallin, il neurologo svedese a capo della ricerca e pediatra nell'Ospedale Pediatrico Astrid Lindgren di Stoccolma, i bambini interiorizzano i modelli di comportamento presenti nel paese.

Vi è quindi il pericolo che possa prodursi un effetto domino. Il dilemma morale dinanzi al quale si trova la società consiste nel fatto che se non venissero curati, questi bambini morirebbero, ma al tempo stesso il fatto di curarli pare incrementare il numero dei casi.

Fleischmann 919501 | elettro-Set per per per Fleischmann morbido Traccia N 65fe85

La SR rimane un mistero. Le notizie sul fenomeno, fuori dai confini svedesi, si sono cominciate a diffondere nell'aprile del 2017, quando è stato pubblicato il primo reportage sull'argomento, firmato da Rachel Avid sulla rivista The New Yorker. Stando a quanto riferisce, il morbo ha spinto una buona fetta della popolazione a protestare contro le deportazioni, le quali continuano nonostante l'aumentare del numero di bambini malati.

A seguito di ciò, cin

que dei sette partiti politici più importanti del paese hanno chiesto un'amnistia per le vittime, e più di 60.000 cittadini svedesi hanno firmato una petizione per fermare la deportazione dei bambini apatici; Gellert Tamas, stimato presentatore di un noto programma televisivo, è arrivato persino ad affermare che la questione avrebbe potuto far vacillare il governo. Grazie all'iniziativa popolare, il parlamento svedese si è visto costretto a rivedere la richiesta di soggiorno di 30.000 famiglie la cui deportazione era imminente.

Questa malattia è tanto interessante quanto bizzarra: perché colpisce maggiormente individui di età compresa tra i sette e i diciannove anni? La risposta più plausibile è che gli adulti hanno a carico persone che dipendono totalmente da loro, pertanto non permettono a se stessi di perdere il controllo; mentre i bambini sottoposti a un grave stress somatizzano la sofferenza delle loro famiglie mediante il coma. "Credo che si tratti di una forma di autodifesa. Sono come Biancaneve", osserva Elisabeth Hultcrantz, otorinolaringoiatra che lavora come volontaria con Medicos del Mundo e che si occupa di minori affetti da questa malattia.

I più scettici riguardo al fenomeno della Sindrome da Rassegnazione sostenevano che i bambini si auto inducevano il coma o erano spinti a cadervi dai familiari (sindrome di Münchhausen) al fine di rimanere più a lungo nel paese posticipando la deportazione; tuttavia, anche se si riscontrano casi falsi, questi sono molto pochi, dunque l'ipotesi è stata scartata per mancanza di prove.

Secondo i medici e i ricercatori i sintomi della malattia non sono volontari e molti individui ignoravano la patologia prima di ammalarsi. A questo si aggiunga che non si tratta di un episodio effimero, dal momento che le vittime permangono in uno stato simile alla catatonia anche per due anni, e che ci sono stati anche casi di reci

diva.

Nonostante si sia fatta luce sui fattori scatenanti, nessuno sa ancora con sicurezza come frenare quest'epidemia. Nel 2013 il comitato svedese di salute e benessere ha pubblicato una guida di 63 pagine per affrontare la SR, nella quale si affermava che la cura più efficace consisteva nel concedere permessi di soggiorno permanente, senza i quali i pazienti non sarebbero guariti. Ciononostante, il dottor Sallin sostiene che il problema ha a che fare più con il trauma che con la condizione di rifugiato e che, pertanto, il proc

esso di guarigione potrebbe risultare più complesso.

"Sappiamo di molti casi in cui i pazienti hanno avuto un miglioramento senza che alla famiglia fosse stato concesso un permesso di soggiorno, e ci sono addirittura bambini che si sono ammalati pur beneficiando del permesso. Possono passare anche cinque mesi dalla risposta positiva alla richiesta di asilo prima che si apprezzino i primi segni di miglioramento".

È ormai noto che lo stato d'animo può influire sulla salute. Ci sono addirittura studi che affermano che la probabilità di morire aumenta dopo la morte di una persona cara, quello che chiamiamo "morire di crepacuore"; ma fino ad ora era un fenomeno che interessava solo gli adulti.

Mentre la Sindrome da Rassegnazione colpisce i bambini e dimostra che il trauma da esclusione e la pressione sociale sono molto più feroci di quanto potessero prevedere teorici e psicanalisti.

L'incapacità di risolvere la crisi dei rifugiati è senza dubbio uno dei problemi più gravi che l'umanità ha di fronte. Questa è solo una delle conseguenze.

Nota di redazione: in Svezia è uscito un libro sulla "Sindrome da Rassegnazione":
De apatiska : om makt, myter och manipulation di Gellert Tamas.
Un altro articolo di Will Worley è uscito su Indipendent
- Refugee children in Sweden are falling into coma-like states on learning their families will be deported

Add a comment
 

alt
Notre musique (Godard, 2004)

Intervento-rielaborazione di Enrico Bartolomei della sua introduzione per il volume "Esclusi. La globalizzazione neoliberista del colonialismo di insediamento" (Derive Approdi, 2017).
License: CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License



Esclusi (DeriveApprodi 2017) raccoglie una serie di saggi sul colonialismo di insediamento, una forma particolare di colonialismo in cui la popolazione indigena viene rimpiazzata da una nuova società di coloni che si insediano in pianta stabile nel territorio colonizzato. Il colonialismo di insediamento non è la stessa cosa del colonialismo classico: nel primo caso la potenza coloniale mira allo sfruttamento dei mercati, delle risorse e della manodopera indigena, trasferendo nella colonia solamente il personale amministrativo, militare e gli uomini d'affari; nel secondo, i coloni che si trasferiscono nel territorio conquistato mirano a sostituirsi alla popolazione nativa. Un chiaro esempio di colonialismo classico è la dominazione britannica in India, mentre esempi di colonialismo di insediamento sono gli Stati Uniti, il Canada, l'Australia, il Sudafrica, Israele. Benché siano fenomeni distinti, a volte i due tipi di colonialismo possono coesistere: si pensi al caso dell'Algeria sotto il dominio francese, o alla Palestina sotto il Mandato britannico.

 

Comprendere questa continuità nell'espulsione è di fondamentale importanza per affrontare efficacemente il presente coloniale.

Add a comment

alt

Pochi conoscono il significato di questo acronimo (TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership), e certo ancora meno numerosi sono coloro che sanno come, al di là delle retoriche relative alla protezione dell'ambiente, gli interessi di potenti lobbies stanno trasformando a proprio vantaggio le norme relative a produzione, distribuzione e consumo degli alimenti.
Che in ragione di invisibili e dubbi benefici invocati spesso da taluni politici (benefici occupazionali, in primo luogo) si continui ad aggredire l'ambiente con impianti nocivi e scelte discutibili, è fatto ben noto che ha visto spesso anche il nostro territorio nazionale pagare un prezzo altissimo in termini di inquinamento e di incremento di talune patologie. Che le nuove norme relative agli accordi fra USA ed Europa (TTIP) vengano fatte passare come innocue per ciò che riguarda la salute dei consumatori e il loro diritto ad un'informazione sui prodotti alimentari e i rischi derivanti dal loro consumo, è però un'ipocrisia intollerabile da combattere con ogni mezzo. In fondo, sono le stesse nozioni di rischio e di danno che il neoliberalismo incessantemente erode nel loro significato elementare rendendone spesso opaca la percezione. Urgente dunque accedere all'informazione sui contenuti del trattato e le sue implicazioni: nella consapevolezza di quanto il linguaggio utilizzato in politica ed economia, i loro acronimi, non siano meri atti comunicativi ma strategie che partecipano alla costruzione dell'ordine sociale e, come ricordano Bauman e Briggs, alla riproduzione delle disuguaglianze.

Chi si occupa di diritto alla salute e di produzione sociale della sofferenza, è naturalmente interessato a comprendere da vicino questi processi i loro effetti
Riceviamo e volentieri pubblichiamo pertanto qui di seguito un link inviatoci dalla rete "Sostenibilità e salute" (http://www.sostenibilitaesalute.org/) relativo al documento TTIP dello scorso marzo:

http://www.eunews.it/2016/05/01/ttip-la-posizione-negoziale-segreta-americana-svelata-da-greenpeace/57360#

Add a comment
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 7

Associazione Frantz Fanon

Presso Centro Sereno Regis, Via Garibaldi 13 - 10122 Torino - T&F:+39 011 4546552

Google+ | Facebook